joomla template

Mercoledì 24 Aprile 2019
Under 14
"Città di Villorba U14 Iniziative" trionfa la Benetton Treviso
Scritto da Ilario Zanatta    Domenica 24 Settembre 2017 08:49    PDF Stampa E-mail
Under 14

VPremiaz. Bentton Treviso.illorba, 23 settembre 2017
Un minuto di silenzio in ricordo del piccolo Lorenzo, giovane rugbista del San Donà, deceduto assieme alla mamma ed al papà nella tragedia della solfatara di Pozzuoli apre la terza edizione del “Città di Villorba U14”, appuntamento di inizio stagione organizzato dal Villorba Rugby presieduto da Alessandro Pietrobon, è andata in scena questo sabato presso gli impianti di via Postioma a Catena di Villorba.
Quest’anno la formula prevedeva due gironi all'italiana da cinque squadre ognuno, semifinali incrociate tra le prime due classificate e finali per tutte le posizioni di classifica.
I gironi dominati da Benetton Treviso e Mogliano hanno mostrato partite interessanti sia per il livello di gioco che per lo spettacolo offerto.
Il Casale, piazzatosi al 4° posto, piange per aver perso ai calci di spareggio prima la semifinale contro il Treviso e poi anche la finale per il terzo posto contro il Conegliano.
La finale vinta dal Treviso in rimonta, è stata sicuramente la partita più emozionante dell'intero torneo. Il Mogliano parte forte e nel primo tempo mette a segno la meta del 5 a 0, nel secondo tempo i Leoni si gettano anima e corpo nella metà campo avversaria ma il Mogliano si difende con ordine e sembra capace di controllare la partita e di poter anche ripartire con i suoi veloci trequarti, invece all'ultima azione il Benetton riesce a marcare la meta del pareggio sulla bandierina di sinistra, il calcio di trasformazione sembra proibitivo per posizione e distanza dai pali, ma il calciatore del Treviso, che prende la rincorsa praticamente in mezzo al pubblico, calcia e trasforma, l'arbitro fischia la fine ed i Leoni possono festeggiare la vittoria.
Le premiazioni dirette da Luigi Bos, anima, mente e braccio dell'intero torneo vedono Maurizio Saltini, patron di Iniziative Group, premiare la squadra prima classificata, mentre il direttore tecnico del Villorba Rugby, Giuseppe Zanatta, ha consegnato a Giacomo Trabucco, secondo centro del Rugby Casale, il premio di miglior giocatore del torneo.
Di seguito la classifica finale:
1 – Benetton Rugby Treviso 2 – Mogliano Rugby 3 – Conegliano Rugby 4 – Rugby Casale 5 – Rugby San Donà e Cus Padova Rugby 7 – Rugby Paese 8 – Mirano Rugby 9 – Villorba Rugby 10 – Rugby Belluno

Questo sito utilizza cookie di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information
Add a comment
 
Finali Super Challenge 2017 - Colorno 02.06.2017
Scritto da Ilario Zanatta    Giovedì 08 Giugno 2017 21:23    PDF Stampa E-mail
Under 14

ColornoDopo un'annata fatta di successi e qualche delusione siamo arrivati all’epilogo della stagione con le finali di Colorno, dove partecipiamo meritatamente, avendo disputato quattro tappe con esiti tutto sommato soddisfacenti.
Girone impegnativo dovendo disputare due partite tutt’altro che facili, la prima ci vede in campo contro il Livorno, compagine toscana sempre ostica ma noi siamo il Villorba e non siamo una squadretta da poco. Entriamo in campo determinati e competitivi facendo del buon rugby e piazzando sei mete in venti minuti ai nostri avversari, subendone una.
Dopo un po’ di riposo andiamo in campo con l’avversario più duro del torneo ovvero il Parma, che sin da subito ci mette in difficoltà e che dopo qualche minuto va in meta. Si riparte e noi, mai succubi del gioco parmense ma sempre protagonisti, non riusciamo a battere la linea avversaria e in un capovolgimento di fronte il Parma ci mette dentro la seconda meta.
Noi però non ci arrendiamo facilmente e quindi ripartiamo cercando di segnare una meta, ma la fortuna oggi non gira dalla nostra parte infatti, un calcio abbastanza facile da piazzare, lo sbagliamo, centrando il palo (bravo Leo ottima mira). Arriva anche un po’ di nervosismo in campo visto che l’arbitro non ci ha per niente aiutato, anzi. Non mi piace parlare male degli arbitri lo sapete tutti, ho sempre cercato nelle nostre colpe gli errori di gioco, ma questa volta, facendo comunque autocritica su come dovevamo imporre il nostro gioco, l’arbitro non ha mai fischiato un fuori gioco della linea mediana per tutta la partita, mani in ruck, anti gioco in genere, insomma i parmensi non ci hanno mai fatto giocare e un arbitro con scarsa esperienza o abituato ad arbitrare partite di scarso valore agonistico, ha pensato bene di mettere le sue attenzioni altrove.
Terza partita la giochiamo contro il Prato, ma i miei ragazzi sono troppo amareggiati della partita precedente e vanno in campo spenti, svogliati, rinunciatari al gioco, praticamente con la testa altrove. Sta di fatto che il Prato ci mette dentro tre mete mentre noi ne rifiliamo una, di gran bravura, con un bel intercetto di Leo, purtroppo inutile.
Andiamo a pranzare prima di scendere in campo per l’ultima partita contro il Mogliano. Qui giochiamo una bella partita mettendo sotto pressione il nostro avversario di tante battaglie, sempre giocate nel rispetto delle regole ma con la massima intensità.
Partita già dall’inizio incanalata nel senso giusto passando in vantaggio con due belle mete, poi caliamo un po’ di intensità e si fa vedere il Mogliano che si riavvicina ma ormai il tempo non basta più anche perché piazziamo un’ulteriore meta con il bravo Luca, alias Zebbi.
Torneo concluso con la vittoria meritata della squadra che quest’anno ha vinto un po’ ovunque, al secondo posto un’ottima Capitolina al terzo la Benetton, noi al settimo posto davanti però al Mogliano avversario e antagonista corretto.
Un ringraziamento va ai nostri ragazzi che con un caldo terribile hanno giocato fino alla fine con grande intensità, ai nostri cari genitori che ci sostengono sempre e sono l’elemento insostituibile delle nostre partite, a chi organizza il gazebo (genitori) sempre ben fornito di tutte cibarie molto buone e birrette fresche Paulaner comprate all’Arizona a 98 centesimi, ai nostri cari accompagnatori che dopo una notte insonne sono stati sempre presenti e insostituibili nell’organizzare i ragazzi per le partite.
Un ringraziamento personale lo faccio ai miei carissimi co-allenatori sempre professionali, con i quali ci siamo presi delle belle soddisfazioni e qualche incazzatura durante l’anno e che mi hanno aiutato e sostituito in qualche occasione durante gli allenamenti e partite della stagione che volge ormai al termine.
Ci vediamo per i prossimi impegni del seven e della terza fase riservata ai ragazzi del 2004 e ovviamente con la festa di chiusura dell’anno della società Villorba rugby per il giorno 17 giugno 2017.

Un abbraccio a tutti da Palmi e friends.

Questo sito utilizza cookie di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information
Add a comment
Ultimo aggiornamento ( Giovedì 08 Giugno 2017 22:26 )
 
13 e 14 aprile 2017 “Trofeo delle Sei Regioni”
Scritto da Ilario Zanatta    Lunedì 17 Aprile 2017 09:24    PDF Stampa E-mail
Under 14

cesenaOre 7.00 si parte per Cesena dopo una sosta colazione vicino a Ferrara alle 11.00 arriviamo al campo da rugby di Cesena, piantiamo il campo base, pranzo in club House e poi alle 14.00 si parte con il giocare, per primi scendono in campo i ragazzi del 2003 contro il Pescara dove milita il figlio di un ex Villorbese (Gatto) partita alla portata e vittoria per 35 a 0 praticamente a senso unico, poi tocca ai 2004 contro il Sambuceto, qui la partita è più equilibrata e combattuta ma ci vede sconfitti per 19 a 12.
Si riparte con i 2003 contro una selezione experience2 partita molto dura ma che ci vede vincitori di misura per 7 a 5. Subito dopo partita dei piccoli (bianchi) contro il Modena e vittoria dei nostri per 14 a 0, finalmente si vede qualcosa che si muove nel movimento del pallone.
Si riparte con i blu (2003) contro Romagna 2 e Villorba sugli scudi partita vinta 57 a 0 praticamente a senso unico. Poi tocca ai bianchi contro il Falconara e vittoria dei nostri per 24 a 0. Io per quanto riguarda i bianchi sarei già contento così i ragazzi nonostante le assenze e i rincalzi dei 2003 si sono comportati bene e hanno iniziato a giocare. Ora si va in hotel a cenare e riposarsi. La serata trascorre tranquilla nonostante i ragazzi avessero voglia di divertirsi ma sarà la cena, sarà la stanchezza presto le chiacchiere si trasformano in russi sopratutto quelli di Raffiu che aveva un po abbondato con la cena.
Al mattino sveglia presto colazione sempre molto abbondante per tutti e principalmente per Raffiu, visto che non gioca può mangiare di più, tanto che potrebbe sfamare per un giorno il biafra.
Il torneo inizia con i blu che scendono in campo contro il Pesaro e vittoria dei nostri per 54 a 0 bene, molto bene. Scendono in campo i bianchi contro la primavera Roma ma questa partita la perdiamo per 26 a 0 anche se quello visto in campo non si rispecchia sul risultato, peccato ma i ragazzi romani fisicamente erano superiori ai nostri. Intanto per gli impianti gira un certo odorino che mi ricorda tatanka, costine, salamella ma sii sono i nostri che in tenuta adamitica e grembiuli dai disegni sgargianti sono indaffarati a fare spuntini e a socializzare con gli altri club, bravi così si fa, facciamoci riconoscere per quello che siamo, persone per bene con la voglia di divertirsi.
Ritornano in campo i bianchi contro il Pescara e dopo una partita combattuta ci vede vittoriosi per 19 a 12 su un campo sintetico che ci ha fatto soffrire più per il caldo che per il gioco ogni modo bravi anche i piccoli che ci stanno dando delle belle soddisfazioni. Ora tocca ai blu sempre sul sintetico contro un agguerrito Parma che ci vede protagonisti e vincitori per 12 a 7 ma con molta fatica in quanto il Parma risulta essere una squadra ben messa in campo e molto agguerrita ma non basta contro i nostri ricci che non mollano mai e tengono duro anche nelle fasi più dure.
Ora pausa pranzo per giocatori, tecnici, accompagnatori e sopratutto nel gazebo dove la grigliata va che è un piacere, birre e prosecco sempre fresco per ristorare la gola.
Si ricomincia con i bianchi contro il falconara nel campo tradizionale, finalmente è vittoria dei nostri per 19 a 7 con una bella prestazione anche da parte di chi ogni tanto si dimentica di giocare a rugby, subito dopo tocca ai blu contro la primavera Roma temuta formazione più per i falli che per il gioco, infatti i nostri vanno in campo super concentrati e disputano un incontro da incorniciare, gli avversari entrano nella nostra metà campo una sola volta e subiscono una serie di mete da paura, alla fine il risultato sarà quello di 42 a 0 e adesso prepariamoci per la finale.
Ma adesso pensiamo ai bianchi che si giocano per il nono posto, infatti avranno la meglio contro Pesaro per 17 a 12 in una partita molto bella quanto equilibrata ma giocata bene e con una bella intensità.
FINALE
La finale per il primo posto ci vede scendere in campo contro il Pieve una compagine con dei giocatori del Bologna e forse qualcun altro in quanto io sti ragazzi tutti fisicati non li avevo mai visto tutti insieme, non importa, noi andiamo a giocare. Dopo qualche minuto mettiamo dentro la prima metà con Luca, bene la partita si mette sui binari giusti, infatti dopo qualche minuto andiamo in meta ancora e portiamo il risultato a 10 a 0, ma c'è ancora strada da fare e gli avversari non ci stanno a perdere, il tempo però passa e il primo posto sembra già essere nella nostra tasca, ma nell'ultima azione il Pieve ci fa la meta, ma il tempo è scaduto la partita finisce per 10 a 7 e anche quest'anno il trofeo lo portiamo a casa noi.
E ora foto di rito, gavettoni d'acqua, tanta felicità, doccetta e via sotto il gazebo che la griglia è già pronta, birra e vino fresco ci faranno passare la sete e Brindisi per questa bellissima giornata.
In questo torneo i ragazzi sono andati oltre le mie più rosee aspettative, l'avere prestato sempre 2 o 3 giocatori ai bianchi in deficit di giocatori, avere fatto è vinto anche una finale per me, anzi noi è stata un'impresa veramente molto importante, ragazzi siamo veramente orgogliosi e soddisfatti di voi, bravi godetevi questa vittoria perché l'avete meritata tutta.
Un grazie va a tutti i genitori che erano presenti sul posto e da casa per tifare con l'ansia in corpo, va alla nostra perfetta organizzazione del gazebo che ha soddisfatto il nostro è altrui palato ai cuochi che alla fine della giornata erano cotti come il tatanka, alle mamme e a tutti coloro che ci hanno regalato dolci, salami ed altro da consumare sotto il gazebo.
È stata una bella trasferta di sport e condivisione ci vediamo tutti martedì in campo.
HASTA LA VICTORIA SIEMPRE

Palmi

Questo sito utilizza cookie di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information
Add a comment
 
Super Challenge “Memorial Piero Dotto”
Scritto da Ilario Zanatta    Lunedì 17 Aprile 2017 09:21    PDF Stampa E-mail
Under 14

superchallenge Piero DottoScusate il ritardo ma impegni vari mi hanno portato lontano dalla carta e penna.
Dove eravamo rimasti?
Ah.. Ok tappa Super Challenge a Treviso in Ghirada domenica 09 aprile 2017.
Girone di qualificazioni al mattino con Varese, selezione Dolomiti, rugby Brescia,
Partiamo molto bene e concentrati contro il Varese e portiamo a casa un buon risultato, 35 a 0, buona la prima come si direbbe in genere registico. La seconda partita ci vede in campo contro la selezione dolomiti e la partita si fa un po' più dura ma la portiamo a casa con un 19 a 5, bravi i ragazzi della selezione che ci hanno dato filo da torcere ma il gioco lo abbiamo costruito meglio noi quindi buona anche la seconda.
La terza partita ci vede protagonisti contro il Brescia e anche qui non c'è storia un rotondo 42 a 5 lascia pochi commenti, bravi fioi avanti così.
Pausa pranzo con il medesimo menù di tutte le tappe del Challenge ovvero pasta in bianco, prosciutto crudo e grana, per gli allenatori birretta.
Torniamo in campo il pomeriggio e abbiamo di fronte i ragazzi del San Donà, carichiamo i ragazzi per la partita, anche perché fino ad ora le altre squadre ci sembravano di un livello di gioco inferiore al nostro. Ragazzi concentrati e partitona 33 a 0 dove la nostra supremazia sulla bella compagine sandonatese ha dato gioco, mete e fiducia su noi stessi.
Bene siamo in finale contro Valsugana squadra già vista 15 giorni prima e battuta ma nel rugby ogni partita è una cosa a sé quindi concentrazione. I ragazzi partono molto bene e ci infilano la prima metà, ma noi ci siamo e pareggiamo con una gran incursione di fungo e portiamo il risultato in parità, ma il gioco lo conduce sempre il Valsugana e quindi la regola vuole che mettono la metà per la vittoria per primi loro portando a casa la finale con i nostri complimenti. A questo punto l'unica cosa che mi ha dato veramente fastidio è stato il comportamento dei miei ragazzi che se la sono presa con l'arbitro, per le sviste sul gioco che avrebbero avvantaggiato la vittoria del Valsugana, sbagliato ragazzi troppo comodo prendersela con il direttore di gara che sicuramente avrà anche sbagliato ma noi non siamo stati di meno visto che abbiamo concesso troppo gioco agli avversari e non li abbiamo impensieriti più di tanto. Ogni modo noi siamo contenti ugualmente peccato che non siamo riusciti a mettere la ciliegina sulla torta. Un grazie ai nostri cari sostenitori e al gazebo molto ben fornito di ogni cosa molto gustosa e dietetica, bravi genitori siete anche voi un importante ingranaggio del nostro movimento.
Al prossimo torneo.... Ci vediamo a Cesena, mandi.

Palmi

Questo sito utilizza cookie di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information
Add a comment
 
Gene meritocratico: intorno a Padova
Scritto da Renzo Bortolussi    Lunedì 28 Novembre 2016 23:39    PDF Stampa E-mail
Under 14

Domenica 27 novembre 2016

Foto squadra
Partita di ritorno della prima fase con il Petrarca e si va a Padova.

Facciamo come al solito 2 squadre prevalentemente divise per età, quindi scendiamo in campo in contemporanea con le due compagine patavine.

Il 2004 giocherà sul campo tradizionale con poca erba e tanto fango per la gioia dei ragazzi e delle nostre mamme. Anche in questa occasione la nostra squadra si trova in difficoltà inizia male rinuncia al gioco e prende mete, ma ad un certo punto si riprende ed inizia a fare il proprio gioco dimostrando che quando si vuole si mette in difficoltà gli avversari anche se il risultato sarà di 40 a 5. Un piccolo miglioramento tra i ragazzi c'è stato principalmente sul comportamento interpersonale speriamo bene, quando questo gruppo sarà finalmente squadra  sicuramente arriveranno i risultati positivi andiamo avanti.

Il 2003 va in campo sul sintetico e qui non c'è problema con il fango ma casomai per le escoriazioni che di tanto in tanto colpiscono le ginocchia,  partita che si mette subito in salita subiamo il gioco dei nostri avversari e quando abbiamo noi il pallone non sfruttiamo al meglio le nostre occasioni quindi arriva la meta del Petrarca.

Qualche minuto dopo su una touche furbata mandiamo in meta Roveda al centro dei pali e trasformiamo con Poldo.

Riprendiamo il gioco dimostrando di saper difendere ma anche attaccare, ma arriva la meta dei patavini che chiudono il primo tempo in vantaggio.

Riprendiamo il gioco e nel secondo tempo cè molta difesa ma gli avversari non passano e quindi prova che ci riprova finalmente allo scadere della partita mettiamo dentro la nostra meta che chiuderà l'incontro in parità 14 a 14 benino si poteva far meglio andiamo al terzo tempo qui sicuramente tutti vincono staff compreso.

Ciao a tutti a sabato prossimo.

Palmi

Questo sito utilizza cookie di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information
Add a comment
Ultimo aggiornamento ( Lunedì 28 Novembre 2016 23:45 )
 


Pagina 2 di 8
Seguici su Facebook
Visita il nostro canale

Questo sito utilizza cookie di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information