joomla template

Errore
Sabato 28 Marzo 2020
Under 16
Tre "RICCI" alle selezioni ASA
Scritto da Ilario Zanatta    Venerdì 18 Gennaio 2019 22:15    PDF Stampa E-mail
Under 16

RUGBY VILLORBA BOSCATO MORANDIN ROVEDAIl Centro di Formazione permanente, che ha sede agli Impianti Sportivi La Ghirada, per l’attività di selezione atleti U16, ha diramato l’elenco degli atleti che sono stati selezionati per partecipare all’allenamento che si terrà sabato 23 gennaio.
Per il Villorba Rugby sono stati invitati Davide Boscato, Andrea Roveda e Marco Morandin Rettori che dovranno presentarsi alle ore 15,30 agli Impianti La Ghirada, ufficio FIR, per poi proseguire nei campi di allenamento.

Questo sito utilizza cookie di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information
Add a comment
 
Villorba vs Benetton 21 - 28
Scritto da Ilario Zanatta    Mercoledì 11 Aprile 2018 10:40    PDF Stampa E-mail
Under 16

Foto squadra U16 1Ieri, nella giornata perfetta per una partita di rugby, campo e tempo ideali, i nostri ragazzi hanno disputato l’ultima partita della stagione tra le mura amiche contro la Benetton.
Il gioco espresso ha mostrato i grandi progressi compiuti dalla squadra anche se qualche black out, costante dall’inizio della stagione, ancora è stato concesso.
Nel complesso i ricci hanno dimostrato di potersela giocare alla pari anche contro le prime della classe, senza alcun timore reverenziale, come ieri, dove il risultato per 21 a 28 li ha visti soccombere, pur uscendo dal campo a testa alta.
Visto che siamo a fine stagione direi che è il momento di tirare le somme ed analizzare quello che è stato il percorso dei nostri ragazzi.
Partiamo dal percorso tecnico:
Maurizio, Rinaldo e Stefano sono stati bravissimi ad amalgamare le tante individualità ereditate ad inizio stagione trasformandole in una bella squadra che sa giocare a rugby e coinvolgendo tutto il gruppo a disposizione senza lasciare indietro nessuno.
Sia il gruppo dei 2003, che a settembre si apprestava al difficile salto di categoria esistente tra under 14 e 16 con ragazzi già pronti ed altri meno, che i 2002, con alcuni elementi che l’anno precedente non avevano mai visto il campo, sono diventati colonne della squadra o hanno confermato ciò che di buono avevano già fatto lo scorso anno.
Dal punto di vista umano va rivolto un doveroso ringraziamento allo staff tecnico ed alla società perché i ragazzi che chiudono il biennio, oltre ad essere cresciuti tecnicamente, lo sono anche come uomini grazie soprattutto all’esempio dato da Maurizio, Rinaldo, Stefano, Alberto, Beppi e dagli accompagnatori Stefano e Gianni.
Esempi mai da dare per scontati, visto quello che succede in giro.

Alessandro Nurzia

Questo sito utilizza cookie di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information
Add a comment
Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 11 Aprile 2018 10:52 )
 
LESSON N.1 = ENJOY RUGBY
Scritto da Renzo Bortolussi    Lunedì 28 Novembre 2016 23:21    PDF Stampa E-mail
Under 16

normal 20161127 1072Rugby. Avanzare. Rugby Sostenere. Rugby. Continuare. Rugby . DIVERTIRSI.

Mogliano. In quella che è stata comunque una gran partita di rugby, una delle due squadre in campo non ha eseguito

tutto lo spartito cui è in grado di suonare visto strumenti e accordi che gli sono noti.

il nostro segreto è il divertimento, il fatto di giocare un rugby che porta tutti a toccare il pallone , a prendersi delle

responsabilità, a osare e rischiare, con gli inevitabili errori e cadute (ma solo i serpenti non inciampano ricordatelo

sempre) ; quello che conta non è quante volte cadi ma quante ti rialzi. Inoltre da soli non si risolve quasi mai nulla nel

mondo dove un ovale corre e rimbalza impazzito. e soprattutto va fatto sempre con il sorriso, quello interiore, quello

che batte avversario ancor prima di essere sceso in campo. UNITI-

A Mogliano abbiamo non giocato, limitandoci a timbrare cartellino della presenza, e accettando il gioco non bello ma

efficace dell'avversario. La loro difesa decisamente buona e a uomo (ci conoscono bene) ha fatto da padrona, e dopo un

avvio che prometteva bene con la meta di Salvo e la quasi meta di Lollo (dove era ultimo sostegno a tre metri dalla

linea della carità ?) e al 19' siamo 7 a 3 per noi. black out (o altro ? - lasciamo ai posteri la decisione) difensivo e

Mogliano va in meta con Marin. una punizione , per cosa poi devo capirlo, porta Mogliano 13 a 7. un Minuto dopo

Daniele accorcia per il 13 a 10 e subito dopo ancora , dopo una serie di anti gioco dei leoni Bianco blu , a primo tempo

scaduto , optiamo per i pali e prendiamo il palo. finisce così primo tempo 13 a 10.

neanche il tempo che eco fischio dell'arbitro decanti che Marin di nuovo su pallone di recupero si invola in meta e

porta sopra break il Mogliano. E qui iniziano una serie di sfuriate in attacco dei ricci che portano in serie a : tenuto sulla

linea di meta (era praticamente fatta), a una meta di Salvo su calcio di Pietro non vista da arbitro che dopo dubbio

amletico torna su nostro vantaggio....., e un'altra bella azione degli avanti morta in linea di meta ma senza schiacciare

e strappata da avversario e calciata fuori. Altra punizione del Mogliano e finisce con Villorba in attacco ma poco lucido

sul 23 a 13. Intensa, dura, cruda, ma con immenso rammarico finisce il match.

Emblematico in cerchio ci chiediamo se si poteva fare e all'unisono è un coro di sì, appunto un coro , quello che è

mancano in alcuni tratti della partita . Ma ci siamo ripromessi che da oggi si lavorerà ancora di più, ancora con più

FAME, e con sorriso, e di sicuro andremo a riprenderci quanto oggi lasciato purtroppo sul campo.

con infinita emozione, VUK

 

Questo sito utilizza cookie di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information
Add a comment
Ultimo aggiornamento ( Lunedì 28 Novembre 2016 23:32 )
 
Prima uscita per L'Under 16
Scritto da Renzo Bortolussi    Giovedì 15 Settembre 2016 17:33    PDF Stampa E-mail
Under 16

IMG 4238
Prima uscita di gruppo per la squadra U.16

Un progetto pensato da tempo quello di portare i ragazzi in ritiro per preparare le prime sfide di tagione, in ritiro, come i professionisti, con l'obbiettivo principale di far passare ai ragazzi due giorni insieme,  per conoscersi meglio, per fare gruppo per cominciare a pensare da Squadra, senza contatti e distrazioni esterne (telefoni confiscati all'arrivo).

Per concretizzare questo programma, noi dello staff, insieme alla società, abbiamo scelto di andare al Villaggio S. Francesco, un bellissimo centro vacanze nelle vicinanze di Duna Verde.

Partenza quindi sabato mattina, giocatori e staff  tecnico più accompagnatori e la gradevole presenza di Alessandro il nostro Presidente che ci raggiunge poco più tardi con il pranzo preparato come sempre dalla instancabile Diva.

Arrivati, tempo di fare il ceck inn, posare le borse negli alloggi assegnati e subito a correre, allenamento nel parco e poi a seguire, torneo di Beach Volley e tuffo in piscina di tutta la rumorosa combriccola, con conseguente fuga di tutti gli altri bagnanti presenti in vasca.

Il pomeriggio passa tra sfide di nuoto e sfide sugli scivoli dell'Acqua Park, e in questo particolare match sono stati gli accompagnatori ad esibirsi nelle evoluzioni più applaudite, poi per finire, siccome c'era ancora del fiato da spendere, sfida a pallacanestro.

Durante la cena della sera abbiamo avuto la visita di Beppi, il nostro Direttore del Rugby, che insieme ad Alessandro ha parlato ai ragazzi, spiegando loro quali sono i programmi e gli obbiettivi che la società ha pensato di assegnare per questa stagione sportiva.

Il dopo cena, come da buona tradizione rugbystica.....non si racconta, possiamo solo dire di aver visto delle avvenenti fanciulle nei dintorni del nostro accampamento.

Per la domenica mattina abbiamo pensato ad una sorpresa per i ragazzi, e questa sorpresa si materializza in Alberto, il nostro preparatore fisico che ha accettato il nostro invito a raggiungerci e che, dopo che i nostri bravi atleti hanno già fatto una mezz'oretta di risveglio muscolare prima di colazione, li sottopone ad un long-run in spiaggia che neanche i marines riuscirebbero a portare a termine, ma noi siamo il Villorba Rugby e niente ci spaventa,

dopo l' impegnativo allenamento tutti in acqua fino all' ora di pranzo.

Dopo il pranzo di mezzogiorno c'è tempo e voglia per fare ancora un pò di beach rugby e

un' altro tuffo in mare prima di mettere tutto in borsa e partire per il ritorno.

Noi dello staff ringraziamo tutti i ragazzi perchè hanno tenuto sempre un ottimo comportamento, segno che ormai sono degli ometti che si sanno gestire anche se lasciati da soli, ringraziamo inoltre la società per averci dato la possibilità di realizzare questo progetto,

e ringraziamo in particolar modo Alessandro che è stato al nostro fianco in questi due giorni, supportandoci e sopportandoci, ma sicuramente divertendosi in nostra compagnia.

Prossimo appuntamento sabato 17 con la prima partita della stagione in cui incontreremo il Feltre per giocarci l' accesso al girone Elite del campionato di rugby.

..COME SEMPRE....FORZA VILLORBA

Gaspare

Questo sito utilizza cookie di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information
Add a comment
Ultimo aggiornamento ( Giovedì 15 Settembre 2016 17:41 )
 
Semifinale di coppa Primavera
Scritto da Renzo Bortolussi    Mercoledì 10 Giugno 2015 22:11    PDF Stampa E-mail
Under 16

IMG 7387Ultima giornata della stagione con due squadre tradizionalmente toste, Petrarca e San Donà. Due partite ridotte ognuna con due tempi da 15 minuti, giocate sul campo sintetico di Mogliano sotto una calura decisamente tosta. Per me è stato un pò strano vedere i ricci quel giorno. Strano perchè li ho visti giocare veramente con l'impressione che avessero il freno a mano tirato. Proprio così perchè te ne accorgi quando improvvisamente a sprazzi cominciano a giocare in maniera bellissima e perfetta e capisci che quella è la loro vera natura. La prima partita contro i nostri acerrimi avversari Petrarchini inizia subendo dopo circa 5 minuti una meta di buona fattura da parte loro, poi dopo due minuti noi pareggiamo il conto con una azione d'attacco meravigliosa culminata con un calcio perfetto di Ale Gobbo su Carota lanciato, che ha raccolto l'ovale lasciando sul posto tutti i suoi avversari... la più bella meta che ho visto fare dai ragazzi, bellissima veramente. Li capisci che la stoffa c'è, solo che mentalmente viene fuori in maniera "random" quasi che non si avesse voglia di farlo sempre o che si avesse timore di mostrare quello che si sa fare. Comunque poi Padova alla fine del primo tempo marca un'altra meta e un calcio e il secondo tempo ci vede tergiversare  e subire un altro piazzato ancora, finale due mete a uno più due calci quindi 20 a 7 per loro.

Aspettiamo che Padova giochi con SanDonà l'altra partita che nonostante le tre mete a zero per i tuttineri, i ragazzi biancocelesti interpretano con notevole forza ed intensità. I ricci osservano e meditano, dopotutto è l'ultima partita della stagione. San Donà parte alla grande, vuole vincere e vedo i ricci subire inizialmente il loro impeto. I ragazzi veneziani piazzano un calcio e verso la fine del primo tempo noi pareggiamo. Poi nel secondo tempo ci svegliamo, come dicevo all'inizio dell'articolo la classe esce a sprazzi e Riki Feletto raccoglie per ultimo il pallone aperto verso di lui e va in meta senza se e senza ma. Poi San Donà molto forte anche in mischia chiusa non riesce a passare e la partita finisce 10 a 3 per noi.

Ritroviamo voglia e carattere ragazzi, e sopratutto rimaniamo uniti il prossimo anno, possiamo divertirci ancora molto ne sono sicuro.

ARRIVEDERCI E FORZA VILLORBA!!!

Questo sito utilizza cookie di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information
Add a comment
 


Pagina 1 di 15
Seguici su Facebook
Visita il nostro canale

Questo sito utilizza cookie di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information