joomla template

Giovedì 21 Giugno 2018
News dall'under 18
Grazie Sergio
Scritto da Ilario Zanatta    Giovedì 21 Giugno 2018 07:36    PDF Stampa E-mail
Under 18

saluto SERGIO KELEMENICSALUTO DEL PRESIDENTE

Questo sito utilizza cookie di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information
Add a comment
 
Siamo in Elite!!!
Scritto da Ilario Zanatta    Lunedì 11 Giugno 2018 13:01    PDF Stampa E-mail
Under 18

Trofeo Toni Piazza2È fatta. L'obiettivo di riportare il Villorba nel girone di élite è raggiunto. A nove mesi dall'infausto esito del barrage di settembre con il Verona, la promessa formulata da ragazzi, staff e società, di fare il possibile (e tentare anche l'impossibile) per tornare subito in alto, “là ove osano le aquile", è stata onorata.
Villorba si impone su un arcigno Casale, vincendo il prestigioso Trofeo Toni Piazza, nel bel campo neutro dello Stadio Pacifici di San Donà (grazie dell'ospitalità!), al termine di una partita quanto mai sofferta e tirata dal primo minuto all'ultimo, in cui la palpabile tensione, propria di una finale, ha forse tolto qualcosa in termini di qualità e precisione del gioco espresso dalle due compagini, ma ha grandemente ricompensato con tanta fierezza agonistica, buona intensità e un susseguirsi inusitato di colpi di scena.
Le danze le apre subito il Villorba, che parte bene, esibisce una difesa concentrata, si ripropone, e guadagna un calcio, che Simonaggio trasforma. Il vantaggio è bello, ma dura poco: dopo 4' è il Casale a trovale la via dei pali, una prima volta, e una seconda dopo altri 15'. Quindi ancora Caimani, che riescono a sfruttare un pasticcio difensivo, guadagnando una meta, molto laterale, che non viene trasformata: 3-11.
Villorba gioca, ma soffre lo spezzettamento delle azioni, non riesce ad aumentare il ritmo come vorrebbe, e chiudere le fasi come dovrebbe. Si guadagna un calcio, ma i Casalesi a loro volta ne ottengono subito uno, sono le marcature pesanti che non arrivano, anche se giungiamo così vicini da sentirne il profumo. Si va al riposo 6-14.
È nella seconda metà, che gli equilibri si spostano: dopo una bella touche organizziamo una maul che fa strada, e permette a Granzotto l'agognato tocco a terra, che Simonaggio è abile a trasformare, da posizione davvero difficile: 13-14!
I Ricci sono nettamente in crescita, mentre i Caimani sembrano leggermente logorati, e pagano anche problemi di disciplina (due i gialli). Guadagniamo un calcio che ci porta nuovamente davanti: 16-14, ma sciupiamo poco dopo concedendo, a nostra volta, 3 punti, e l'effimera primazia.
Villorba preme bene, sempre più mobile, penetrante e manovriero: ormai si gioca prevalentemente "di là", ma l'orologio incombe, e c'è uno stramaledetto bisogno di fare punti, e di farli subito!
Dopo tanti tentativi di passare, muovendo palla ed esplorando tutta la larghezza, è Randazzo, a trovare il varco, e segnare una meritata meta centrale, che, con la trasformazione di Simonaggio, ci fa finalmente sorridere. Un ultimo piazzato, sempre di Simonaggio ci permette di arrivare al fischio liberatore della signora Catagini nella tranquillità del sopra-break.
Partita di grande soddisfazione, che tutti ricorderemo: per il valore e il carattere dell'avversario, che ci ha reso veramente molto duro il compito di ribadire, nella finale, il divario emerso nel corso del campionato.
Per la forza e la determinazione dei nostri Ricci, che hanno costruito il risultato con umiltà e sacrificio esemplari, lottando pallone dopo pallone, e ribaltando, poco alla volta, un risultato che sembrava acquisito, ma solo a chi non ne conoscesse il temperamento e la forza mentale.
Ma terremo memoria della giornata anche perché segna la fine di cicli: quello dei mitici "ragazzi del '99", quelli delle mille battaglie condotte indossando le maglie ricce (un ricordo tra tutti: prima annata gialloblu in una finale del Trofeo Topolino), e che ieri han giocato la loro ultima partita in giovanile: siamo fieri di voi, di quello che siete, ma anche del lavoro dei vari team del Villorba: evidentemente è stata fatica ben spesa.
Termina anche un altro ciclo: quello del nostro head coach Sergio Kelemenic, che nella prossima stagione, nostro malgrado, non sarà più con noi. A Sergio formuliamo un ringraziamento davvero non formale, per il tanto che ci ha regalato in questi anni, e i migliori auguri di successo nella importantissima responsabilità cui è stato chiamato.
È a Sergio Kelemenic, congiuntamente a Martin Jensen e a Christian Barattin che dobbiamo la crescita tecnica e mentale che ci portato al risultato odierno. A Ermanno Gallo il merito di aver costruito atleti fisicamente a posto, che riescono a giocare davvero fino all'ultimo minuto, e a Federico Pizzolato, quello della gestione e trattamenti ottimali degli infortuni occorsi durante l'anno.
Ancora, come non ricordare di quest'anno le altre figure: a partire dal generoso, infaticabile ed entusiasta gruppetto di accompagnatori, allo splendido plotone di genitori, parenti, amici, morose, un collettivo di volontari, disponibili e organizzati, che non solo hanno contribuito grandemente al risultato, ma han reso bello e piacevole vivere l'ambiente e il gruppo.
Infine, è un dovere, che volentieri assolvo, il ringraziamento alle Società, con i loro dirigenti e tecnici, con le strutture, servizi, club, segreterie, etc., che sono state a fianco della squadra, sempre presenti ogni qualvolta servisse, ma con la discrezione e la sensibilità di lasciare lo staff lavorare in serenità e autonomia. Società è -non a caso- un plurale: siamo in èlite anche grazie all'apporto dei giocatori, dirigenti e accompagnatori del ASD Rugby Conegliano. Una collaborazione esemplare tra due Società che oggi condividono il merito e la gioia della giornata, e la volontà di perseguire (e la fiducia di raggiungere), nella prossima stagione, altre e ancor maggiori soddisfazioni.

Fabrizio Michelini

Questo sito utilizza cookie di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information
Add a comment
Ultimo aggiornamento ( Martedì 19 Giugno 2018 08:18 )
 
Villorba vs Capoterra 51 - 13
Scritto da Ilario Zanatta    Lunedì 04 Giugno 2018 07:41    PDF Stampa E-mail
Under 18

Villorba-Capoterra 03.06.2018Sarà finale: Villorba vince 51-13 anche il ritorno della semifinale con Amatori Rigby Capoterra, e quindi acquisisce il diritto di giocare la finale valida per l'accesso diretto al girone di élite.

Buona la prova dei Sardi, che ci sembrano ancora più determinati e incisivi della settimana scorsa, e sono prontissimi a sfruttare il minimo varco difensivo della nostra linea, con una bella meta al centro, che li porterà in vantaggio di un punto, per un paio di minuti. Ma Villorba concede poco altro, e comincia a macinare il proprio gioco con la regolarità di un diesel, crescendo di ritmo ed efficacia, e segnando otto mete con tutti i "soliti" reparti (Feletto, Follegot, Buso, Randazzo, Granzotto, Fadda), e con la novità di una straordinaria doppietta di bellissime mete firmate da un indiavolato e festeggiatissimo Calesso. Trasformazioni e piazzati a cura di Simonaggio e Bisigato.

Grazie alla Diva, a Salvo, alla porchetta fatta cucinare da Luigi, al contributo delizioso e sostanzioso della mamme, terzo tempo davvero speciale: oggi abbiamo tanto da festeggiare: i nostri amici di Capoterra, tanto bravi quanto simpatici, l'accesso alla finale, e l'ultima partita casalinga di un anno ricco di successi e soddisfazioni. Mentre si celebra, arriva la notizia della splendida vittoria del secondo campionato italiano delle nostre straordinarie ragazze: che volere di più?

Oggi festa, quindi, ma sin da domani pronti a concentrarsi, di nuovo e ancor meglio, sull'impegno decisivo fissato per il pomeriggio di domenica prossima, allo Stadio Pacifici di San Donà di Piave, la finalissima, che giocheremo con il Casale. Una partita che si preannuncia combattutissima, e che dovrà vedere il massimo impegno dei ragazzi, e il più entusiasta sostegno a bordo campo.

Fabrizio Michelini

Questo sito utilizza cookie di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information
Add a comment
Ultimo aggiornamento ( Lunedì 04 Giugno 2018 07:59 )
 
Semifinale d'andata Barrages per l'Elite
Scritto da Ilario Zanatta    Martedì 29 Maggio 2018 15:50    PDF Stampa E-mail
Under 18

Capoterra-Villorba 27.05.2018Villorba vola in Sardegna, e si aggiudica la partita di andata delle semifinali della fase meritocratica.
Amatori Rugby Capoterra ASD Villorba Rugby 5 - 60, questo il risultato. Con i conseguenti 5 punti portati a casa in attesa della partita di ritorno, i Ricci iscrivono un'ipoteca sul superamento del turno e il conseguente accesso alla finale del 10 giugno.
La partita si incanala subito sui binari giusti, con un piazzato di Simonaggio al 5', cui seguiranno 9 mete dei nostri (Parrino, Tasca, Tonellato, Fadda, Tasca, Bos, Randazzo, Filippetto, Feletto), e sei trasformazioni (molto Simonaggio, ma anche Cocca).
Per Capoterra una meta non trasformata, ottenuta in un'azione prolungata di percussioni sulla linea di meta. Ma tale differenziale di punti non deve trarre in inganno: è stata partita vera, piacevole e combattuta, con i Ricci che hanno giocato il loro rugby, fatto di continuità , apertura di gioco e alternanza di linee di attacco, a tratti con sprazzi pregevoli.
Da parte loro, i Sardi hanno esibito in campo uno straordinario carattere e ottima motivazione. Specie nel primo quarto, hanno conteso il possesso e ci hanno costretto a difendere nella nostra metà campo per diversi minuti. Soprattutto, ci è piaciuto la serena determinazione collettiva di contendere: anche nel finale, quando un tabellone così penalizzante solitamente fa sbandare squadre mentalmente più fragili e disunite. Sicuramente hanno grandi margini di crescita.
Ma la cronaca non può esaurirsi al mero dato sportivo: devo dar conto di alcuni aspetti umani relativi all'esperienza che abbiamo vissuto, e alle persone che abbiamo incontrato. Sono stati grandi: per come ci hanno atteso e accolto, per l'aiuto che ci han fornito nell'organizzare la trasferta, per il clima di festa che han saputo creare attorno all'evento.
Un pubblico simpaticamente rumoroso nel sostenere i propri beniamini, ma molto sportivo e corretto.
Un terzo tempo davvero condiviso e festoso come forse nessuno di quelli cui, nei miei (troppi) anni di accompagnatore, ho partecipato. Siamo rientrati consapevoli di avere allacciato delle relazioni umane con persone splendide, e un rapporto con una squadra, una società - insomma: con un ambiente umano- veramente di qualità.
Domenica prossima, partita di ritorno al Palaverde: novella occasione: di battaglie in campo, e di festa fuori dal campo insieme ai nostri nuovi amici di Capoterra.
Tutti invitati a partecipare

Fabrizio Michelini

Questo sito utilizza cookie di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information
Add a comment
 
Villorba vs Feltre 37 - 14
Scritto da Ilario Zanatta    Domenica 20 Maggio 2018 22:38    PDF Stampa E-mail
Under 18

Villorba-Feltre 20.05.2018Fase interregionale U18: al Palaverde Villorba si aggiudica i quarti di finale, battendo il Rugby Feltre 37 a 14.

Pur essendo per gran parte del tempo prevalenti, per i Ricci la partita è stata tutt'altro che facile: sia perché i feltrini si sono meritoriamente spesi per renderci il compito il più arduo possibile, sia perché abbiamo sofferto una difficoltà -evidente specialmente nella prima metà- di far fruttare in punti sonanti il maggior gioco e una temporanea doppia superiorità numerica. Probabilmente la pausa di un mese alla fine del girone non ha giovato a concentrazione e cattiveria agonistica.
Muoviamo il tabellone per primi, con un calcio di Simonaggio, ma sprechiamo due o tre buone occasioni di marcatura pesante. Anzi, ci facciamo sorprendere da una furba in prossimità della linea di meta che ci manda, per qualche minuto, sotto. Reagiamo subito, con una classica sequenza touche - maul avanzante, che porta Granzotto a schiacciare. Al riposo siamo nuovamente in testa, ma solo con un risicato 8-7, che poco ci accontenta, e ancor meno ci tranquillizza.
Nella ripresa, cominciamo a essere più efficaci, e Feltre, poco alla volta, cala di intensità. Riusciamo a segnare con Feletto, e ancora con Bernardi, ma gli ospiti trovano un varco al centro e, grazie a una serie incredibile di placcaggi mancati ci infligge una meta che fa male come uno schiaffo. Forse era proprio quello di cui avevamo bisogno per rendere il nostro gioco più incisivo: infatti riusciamo a segnare una sequenza di tre mete (Parrino, poi Bos, infine Michelini) che, sommate a una trasformazione di Simonaggio, ci permettono di allungare e concludere l'incontro con un tranquillizzante vantaggio.
Con questa vittoria, i Ricci si aggiudicano il diritto di accedere alla semifinale, che un regolamento cervellotico e bizzarro prevede sia disputata con un doppio scontro tra la vincente della partita di oggi e la squadra vincitrice del campionato della Sardegna.
Quindi domenica prossima (27/05) vedremo i nostri in una impegnativa (sportivamente, organizzativamente ed... economicamente) trasferta in provincia di Cagliari. Saremo ospiti del Rugby Capoterra, che la domenica successiva riceveremo in casa, per la partita di ritorno.
A chi si aggiudicherà il doppio scontro, il diritto e l'onore di giocare la finale secca del trofeo Toni Piazza, il 10 giugno a San Donà, valevole per l'accesso al girone élite.

Fabrizio Michelini

Questo sito utilizza cookie di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information
Add a comment
 


Pagina 1 di 12
Seguici su Facebook
Visita il nostro canale

Questo sito utilizza cookie di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information